Home ECONOMIA Spese alimentari indietro di vent’anni

Spese alimentari indietro di vent’anni

L’ISTAT ha comunicato che le spese alimentari nel 2012 sono tornate ai livelli di vent’anni fa, ossia del 1992.

Tornate indietro di 20 anni i volumi di spese alimentari delle famiglie italiane.
Le spese del settore ‘alimentare e bevande non alcoliche’ nel 1992 ammontavano a 117,6 miliardi, nel 2012 hanno raggiunto solo i 117 miliardi.

LA CRISI E’ GRAVE. Lo studio dell’ISTAT dimostra che la causa dell’arretramento dei consumi per spese alimentari  è esclusivamente dovuto alla crisi. Infatti nel 2007 le spese alimentari avevano raggiunto i 129,5 miliardi, aumentate del 10,1% in confronto all’anno 92.

Ma in 5 anni dal 2007 al 2012 le spese per “alimentari e bevande non alcoliche” si sono ridotte del 9,6%, ritornando ai livelli di 20 anni fa.

La crisi economica, la recessione, la povertà stanno dilagando;  siamo ad un punto di non ritorno; solo azioni forti, nel segno della discontinuitá potranno dare la scossa anti-ciclica contro la recessione.

Sicuramente non il Governo attuale, che sembra camminare a passo felpato mentre ci sarebbe bisogno di organizzare una corsa contro il tempo.

2012 e 2013 due anni molto diversi: l’anno scorso c’era la crisi finanziaria, ed i maggiori rischi li hanno corsi Banche, Multinazionali, Magnati italiani.

Monti ha salvato  gli italiani super ricchi, con una manovra lacrime e sangue, recessiva, distruttiva dell’economia reale, di famiglie e piccole imprese. Complimenti