" />

Con le nuove istruzioni sull’antiriciclaggio i contratti di conto corrente sono a rischio chiusura. Decorrenza 1 gennaio 2014.

Istruzioni della Banca d’Italia sull’antiriciclaggio: chiudere i conti correnti senza adeguata verifica.

In seguito al varo delle nuove istruzioni sull’antiriciclaggio i contratti di conto corrente bancario sono a rischio chiusura. Decorrenza 1 gennaio 2014.

Le nuove istruzioni della Banca d’Italia, infatti prevedono – alla nona sezione punto 2 – che in caso di impossibilità della banca a rispettare gli obblighi inerenti l’adeguata verifica del cliente (per le movimentazioni sul conto corrente) gli istituti di credito dovranno interrompere il rapporto di conto corrente e restituire le somme al cliente.

Ciò è già previsto dall’art. 23 co.1 del Decreto 231-2007, ma la perplessità sorge quando le istruzioni prevedono «che la restituzione delle somme al cliente dovranno avvenire tramite bonifico bancario su altro conto indicato dal cliente ed intrattenuto presso un’altra banca»!

Le istruzioni “quindi” generano una serie di problemi non da poco:

I contratti bancari di conto corrente aderiscono alle norme del codice civile che sono inderogabili dalle parti.

L’articolo 1852 del C.c. infatti prevede che  «il correntista può disporre in qualsiasi momento delle somme risultanti a suo credito, salva l’osservanza del termine di preavviso eventualmente pattuito». Inoltre, l’articolo 1856 prevede che «la banca risponde secondo le regole del mandato per l’esecuzione di incarichi ricevuti dal correntista o da altro cliente».

Tali disposizioni, previste da norme primarie, sono utilizzate fedelmente nei contratti utilizzati dalle banche che non potranno – ovviamente   – introdurre “limiti” alle movimentazioni sul conto corrente del cliente sia in sede di stipula contrattuale che successivamente.

La Legge antiriciclaggio dispone solo  un “tetto” al trasferimento di contante tra due soggetti diversi per importi pari o superiori ai famosi 1.000 euro.

Ciò equivale a dire, come confermato a più riprese dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che ogni correntista – dal suo conto corrente – ha la possibilità di effetture versamenti o prelevamenti  di qualsiasi somma.

La chiusura di un conto corrente sia quando richiesta dal titolare-cliente che quando disposta dalla Banca,  comporta la restituzione delle somme con ritiro presso la Banca sia a mezzo contanti, o tramite disposizione di bonifico su altra banca, ed anche  mediante assegno circolare rilasciato dalla stessa banca.

Sorge quindi una grande difficoltà sia per le banche che per i clienti: come dovranno essere applicate queste disposizioni ?

“Sotto il profilo giuridico siamo  di fronte ad una deroga alla norma primaria prevista da una disposzione non legislativa”.

A ciò occorre aggiungere che il bonifico di trasferimento delle somme del conto estinto, dovrà avere la causale “impossibilità a rispettare gli obblighi di adeguata verifica”  e a tal punto la banca riceverente come  dovrà comportarsi?

Per concludere, ai fini dirimenti delle molte  perplessità,  ci riportiamo ai chiarimenti sull’adeguata verifica del cliente  già contenuti nel D.Lgs n. 169/2012,  introdotti all’art. 23, co. 1-bis, del Decreto 231/2007 e ad una circolare dell’ABI che ha fa riferimento ad un accordo siglato con il Ministero  dell’Economia e delle Finanze con il quale prevede la sospensione dell’applicazione delle nuove regole  fino all’emanazione di più precisi chiarimenti che a questo punto dovranno giungere presto senza ombra di dubbio.

A cura di Giuseppe Merola

Lascio a voi il commento su più disposizioni dello stesso Stato , quello italiano, che sono contrastanti tra di loro…

Sotto c’è la mail dove potrai protestare dicendo la tua,  per la nuova consapevolezza degli italiani con agire attivo e non passivo.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

UTILIZZA UN NOSTRO MODELLO REALE. SCOPRI LA DIFFERENZA!
 
COME AFFITTARE LA TUA CASA SENZA RISCHIARE MOROSITÀ...
€9.90 – 
Invece di € 19.90
PERIZIA LUCRO CESSANTE DANNO EMERGENTE PRE-COMPILATA.
€49.90 – 
Per oggi invece di € 79.90
CONTRATTO DI FINANZIAMENTO DA PRIVATO A SRL. PRONTO ALL'USO COMPLETO DELLE NORME CHE LO CONSENTONO...
€59.99 – 
Per oggi invece di € 79.90
RICORSO PRONTO CONTRO AVVISO DI RETTIFICA E LIQUIDAZIONE IMPOSTE COMPRAVENDITA. SCOPRI COME OTTENERE L'ANNULLAMENTO RISPARMIANDO TEMPO IN RICERCHE
€29.90 – 
Invece di € 66.90
Ricorso Contro Notifica Irregolare E Avviso Di Intimazione Equitalia.
€49.99 – 
In offerta ... Approfitta
Istanza Di Accertamento Con Adesione con PROCURA SEPARATA.
€7.90 – 
In offerta ... Approfitta
Modello Di Ricorso Contro Accertamento Da Redditometro.
€19.99 – 
In offerta ... Approfitta
Ricorso Contro Accertamento Sintetico Per Maggiori Aliquote o Per Studi Di Settore.
€19.99 – 
In offerta ... Approfitta
Contratto di locazione Transitoria inferiore a 4 anni.
MODELLO DI CONTRATTO AFFITTO A STUDENTI UNIVERSITARI O LAVORATORI CHE NON POSSONO IMPEGNARSI NELLA LOCAZIONE PER LA DURATA ORDINARIA DI 4 ANNI.
€7.90 – 
In offerta ... Approfitta
Comodato d'uso gratuito a non familiari .
MODELLI DI COMODATO DI IMMOBILI A FAMILIARI O A NON FAMILIARI CON MOTIVAZIONE. COMODATO DI AUTOVEICOLI
€29.99 – 
invece di € 29.90.
Contratto di ►locazione immobile commerciale►quali negozi o capannoni ai sensi della legge 398/91.
CONTRATTO DI AFFITTO DI IMMOBILE COMMERCIALE PRONTO ALL'USO CON CLAUSOLA CHE EVITA PER MOROSITA' DI ADIRE LE VIE LEGALI
€19.99 – 
In offerta ... Approfitta
Cessione di quote sociali e credito verso società per finanziamento pregresso del cedente.
IMPEGNO ALLA CESSIONE DI QUOTA SOCIETARIA, CON IL CONTESTUALE PASSAGGIO ANCHE DI CREDITI PER FINANZIAMENTO SOCI
€29.99 – 
In offerta ... Approfitta
Cessione di azienda con contratto preliminare pronto all'uso con ogni condizione necessaria già scritta.
IMPEGNO ALLA CESSIONE DI AZIENDA. UN ATTO NECESSARIO PER EVITARE SORPRESE E DANNI ECONOMICI
€19.99 – 
In offerta ... Approfitta