Cedolare secca raccomandata non necessaria quando …

L’invio della raccomandata per la cedolare secca non è necessario quando si stipula un ccedolareontratto d’affitto ex novo dove il locatore dichiara di optare per la tassazione sostitutiva e di rinunciare agli aggiornamenti ISTAT.

Raccomandata Cedolare Secca. Molti ci chiedono dell’obbligo dell’invio della raccomandata per usufruire della cedolare secca,  che è condizione essenziale per usufruire della tassazione dei canoni con la tassazione di favore: in effetti la condizione necessaria è che il locatario riceva la dichiarazione del locatore di rinuncia agli aggiornamenti ISTAT.

 

Riferimento di Prassi. Ciò detto è chiarito dall’Agenzia delle Entrate al punto 8.3 della circolare n. 26/e del 2011, che recita letteralmente “Per i contratti di locazione nei quali è espressamente disposta la rinuncia agli aggiornamenti ISTAT, si ritiene che non sia necessario inviare al conduttore la comunicazione in questione”. L’obbligo di inviare la raccomandata al locatario  – condizione essenziale per usufruire della tassazione alternativa della cedolare secca – è assolto anche quando il locatore dichiari – nel contratto stipulato – di rinunciare agli aggiornamenti ISTAT, di cui al paragrafo 2.3 della stessa circolare.

In effetti l’utilizzo della tassazione con la cedolare secca per la locazione degli immobili ad uso abitativo è molto vantaggiosa per coloro che hanno redditi moto alti soggetti ad IRPEF in quanto l’aliquota del 21% e del 10% non è influenzata dai reddito di lavoro dipendente o autonomo.

L’unico miglioramento a tale tipo di tassazione DELLA CEDOLARE potrebbe essere l’allargamento anche alle imprese locatrici, in quanto si eviterebbe l’evasione fiscale sui canoni di locazione, aumenterebbero le entrate, e ciò neutralizzerebbe le enormi tasse sugli immobili introdotte con l’IMU.

Se hai bisogno di un contratto di locazione (pronto per la firma) clicca qui.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here