" />

Notificazione atti: valida anche con firma illeggibile dell’addetto. Cass. Ord. n. 17929 2012.

La Cassazione con l’Ordinanza n° 17929 del 19.10.2012 si è pronunciata di nuovo sulla validità della notificazione degli atti.

Nella fattispecie esaminata sono stati ribaditi due rilevanti principi:

– E’ valida la notificazione, a soggetti persone giuridiche, quando la consegna dell’atto sia effettuata nelle mani del preposto addetto alla sede della società. In questo caso vi è la presunzione che “l’addetto sia incaricato anche alla ricezione di atti e documentazioni del soggetto destinatario”.

Quando la notificazione avviene attraverso il servizio postale, ai fini della sua validità, è sufficiente che il ricevente sottroscriva il registro della corrispondenza e l’avviso di ricevimento, anche quando la firma sia illeggibile.

Ciò in quanto l’accertamento della relazione tra il destinatario dell’atto e l’effettivo ricevente, efffettuato dall’ufficiale postale, costituisce, insieme alla firma dell’avviso di ricevimento, atto pubblico che fa fede fino a querela di falso (art. 2700 del C.C.).  

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.








Archivi