Passera a Rete Imprese: metà dei cittadini soffre per il lavoro. Striglia la Ue.

Il Ministro Passera, dall’assemblea di Unindustria ha lanciato l’allarme sul rischio della tenuta sociale del Paese: “il 50% degli italiani soffre per il lavoro”.

L’Ex AD di INTESA, senza mezzi termini, ha dichiarato che la metà del Paese soffre a causa dei problemi legati al lavoro e all’occupazione; questo causa «un rischio di tenuta sociale».

Rincara la dose il Presidente di Rete Imprese M.Venturi dichiarando: “Sulle imprese in questi due anni è come se si fosse abbattuto uno tsunami”. Ha aggiunto che sono moltissime le aziende che sono in “emergenza economica e quindi finanziaria”.

La soluzione per rilanciare la crescita delle imprese, intanto sarebbe la revisione della spesa pubblica (o spending review che dir si voglia) ossia tagliare i costi inutili dello Stato per dirottarli sull’apparato produttivo del sistema imprenditoriale. Oltre a ciò, per ridare slancio alla ripresa, occorre che le banche riprendano a sostenere le Piccole e Medie Imprese e che lo “Stato paghi i suoi debiti verso le stesse”.
Ha aggiunto che bisogna a tutti i costi evitare un ulteriore aumento dell’IVA, come previsto dalla Manovra Monti; ciò  ha detto Venturi “sarebbe il colpo di grazia sia per le imprese che per il Paese”.

Iva ed IMU hanno già prodotto “il coma” del sistema produttivo e dei consumi della nostra economia, rimarcando come già adesso la pressione fiscale si è attestata al 45%.

La difficoltà di accesso al credito (propriamente detto credit crunch) ha già fatto moltissimi danni:
– Le imprese faticano a ricevere liquidità dalle banche (quando hanno 70 miliardi di crediti verso lo Stato) e quando vi riescono i tassi sono altissimi.
– Ciò è inspiegabile visto che le risorse finanziarie, rese disponibili dalla Banca Centrale Europea a tassi “molto bassi” per finanziarie le IMPRESE, non solo non vengano erogati, ma quando vi sono le condizioni per farlo, i tassi “sono eccessivamente ed inspiegabilmente elevatissimi”.

Il Ministro Passera, parlando all’assemblea, ha voluto sottolineare come il Governo è cosciente delle enormi difficoltà che oggi stanno subendo sia le imprese che le famiglie per la mancanza di lavoro; ed ha sottolineato come la UE fino ad adesso ha fatto “pochi fatti e molte scelte sbagliate”.

E’ arrivato il momento, ha concluso, che l’UNIONE EUROPEA la smetta di parlare di crescita senza fare qualcosa per gli investimenti, e finalmente INVECE distingua ciò che è spesa e ciò che è investimento.

Fonte: Ilsole24ore.com

A questo punto, diciamo dalla nostra rivista, che la tenuta sociale è già compromessa visti i tanti imprenditori allo stremo delle proprie capacità di tenuta psicologica.

FACCIAMO UN APPELLO AL PRESIDENTE NAPOLITANO:
Chiediamo al Presidente Napolitano di fare un discorso “urgente” alla NAZIONE (a rete unificate e  non a Capodanno) per rassicurare tutti gli imprenditori “realmente disperati ed esasperati”. 
Tutto possiamo accettare ma non che padri di famiglia si tolgano la vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here