Lotta all’evasione fiscale: liste selettive per omissione di scontrini, sanzioni catastali, gioco illegale, recupero contributi agricoli, ires infragruppo, liquidazioni societarie.

Dl semplificazioni. Lotta all’evasione fiscale.

l’Agenzia delle Entrate nell’ambito della pianficazione delle attività di verifica e controllo dei contribuenti, ai fini della lotta all’evasione fiscale, è autorizzata ad elaborare liste selettive di contribuenti verificabili, costituite da coloro che hanno ripetutamente omesso l’emissione della ricevuta fiscale o dello scontrino.
La mancata emissione dello scontrino fiscale che fino ad oggi prevedeva “solo” la chiusura dell’esercizio per periodi di tempo determinati, essendo incorsi almento in 4 violazioni contestate dalla Guardia di Finanza, oggi innescherà una vera e propria verifica fiscale, in quanto l’omissione ripetuta del documento fiscale,  è stata valutata come elevato rischio di occultazione di imponibili.

Inasprimento delle sanzioni catastali nei confronti di proprietari di immobili con rendita catastale presunta che non presenitno entro 120 gg dalla notifica i documenti occorrenti all’Ufficio del Territorio per l’aggiornamento dei dati catastali.

Il decreto ha poi previsto l’indeducibilità di quei costi che siano riconducibili ad atti o fatti illeciti qualificabili come reati gravi non colposi, che attualmente non era preclusa.
 
Giro di vite alla lotta contro il gioco illegale  tramite l’autorizzazione ai dipendenti dei monopoli di Stato di agire sotto copertura, introducendosi, quali giocatori, in bische clandestine. Possibilità conferita anche a Carabinieri e Polizia di Stato.

Altre novità la predisposizione  di un  programma per il recupero dei contributi agricoli percepiti indebitamente da coloro che operano nel settore.

Obbligo per i gruppi societari di indicare in dichiarazione le eccedenze di imposta IRES, cedute a società infragruppo, previste sanzioni per tale omissione dichiarativa.

Il Dl di semplificazione fiscale interviene  poi in riguardo alla liquidazione ed allo scioglimento delle società di capitali, cercando di allineare le norme civilistiche a quelle fiscali, in particolare fissando i termini di presentazione delle dichiarazioni fiscali dalla data in cui avvengono le iscrizioni inerenti alla messa in liquidazione presso la CCIAA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here