Home NEWS Crisi: Germania permettendo siamo ad una svolta positiva.

Crisi: Germania permettendo siamo ad una svolta positiva.

Il 22 gennaio scorso si è riunito di nuovo a Bruxelles l’Eurogruppo, con la presenza dei Ministri delle Finanze degli Stati membri. 
Sembra che si stia arrivando pian piano ad una soluzione.
Il nuovo fondo salva stati ESM dovrebbe dotarsi di 500 miliardi di euro. A questo dovrebbe aggiungersi il fondo provvisorio EFSF che é di 250 miliardi. Avremmo quindi una potenza di fuoco di 750 miliardi.
I mercati stanno rallentando la speculazione proprio per aver percepito che l’operazione, alla fne, andrà in porto. 

Ció ovviamente Germania permettendo, ma a quanto pare le sue porte si apriranno se il 30 gennaio prossimo sará firmato, da tutti i 17, l’accordo sul maggior rigore e disciplina di bilancio.
L’unico nodo secondo noi sono i contenuti dell’intesa: a quanto pare la Merkel imporrá le sue condizioni, che riguardano principalmente l’irrogazione di sanzioni automatiche agli Stati che non rispettano il trattato.
Nella sostanza si viene a perdere un pezzo di sovranitá nazionale, e ci sembra che il nostro premier stia facendo di tutto per risolversi in casa i problemi, per non lasciare l’Italia sotto i vincoli ferrei fiscali e di bilancio tedeschi.
I vincoli fiscali e di bilancio di tutti gli Stati membri, stabiliti dalla Germania e dalla Cancelleria, vanno a incidere indirettamente sulle politiche economiche del Paese e sulla società civile. 
Risulta chiaro a tutti che i fondamentali dell’accordo saranno stabiliti dalla Germania, ma non vorremmo passare dal rischio “balcanizzazione” a quello “colonizzazione”.   
Ma come ha dichiarato l’FMI, “L’Italia non può fare tutto da sola, occorre il sostegno Ue”. Anche se ha elegiato Il nostro Premier per le misure varate che ci permetterano di raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2013.