" />

“IL COMODATO MODALE”. SCARICA IL PROFORMA.

COMODATO MODALE

Si stipula un comodato modale quando il proprietario di un locale commerciale lo concede gratuitamente – per uso attività – ad un familiare/imprenditore,

con l’impegno di quest’ultimo alla sua manutenzione ordinaria e straordinaria, e ciò allo scopo di conservazione del bene (l’ interesse del proprietario).  

1) In quali casi occorre il comodato modale. 

Si sottoscrive il contratto di comodato modale nei casi in cui un immobile, sia pur concesso in locazione gratuita, preveda un obbligo a carico del conduttore. Il modus o onere a carico del comodatario è proprio l’obbligo di accollarsi «il mantenimento del locale per l’interesse del proprietario» a conservarne il valore di mercato. L’affittuario non è tenuto a pagare un canone di locazione per l’uso dell’immobile, ma si obbliga alla conservazione del buono stato dello stesso.

Trattasi di una formula contrattuale unica nel suo genere.

E’ il caso ancora del proprietario di  un capannone industriale che lo concede in comodato MODALE ad uso gratuito ad un terzo (anche non familiare) purché l’affittuario si obblighi alla sua manutenzione straordinaria.Con una motivazione verosimile si è tutelati da accertamenti fiscali che presumono l’onerosità della locazione gratuita.

2. Avviso di accertamento per elusione fiscale. il nostro proforma a prova di contestazione. 

A fini fiscali, la reale gratuità della locazione (in caso di accertamento) è dimostrabile dall’interesse del concedente a preservare il locale dal deprezzamento per vetustà, dovuta ad inutilizzo, e alla non convenienza economica a sopportarne le spese di ripristino prima della concessione dell’immobile in locazione onerosa. Chiaramente la prova dell’effettiva gratuità della locazione potrà meglio essere garantita quando esiste un rapporto di parentela tra proprietario e comodatario.

Oltretutto l’onere a carico del comodatario (ripristino e conservazione del locale) non potrà essere considerato corrispettivo tassabile – in capo al comodante – proprio per il non quantificabile costo effettivo dovuto all’onere a carico del comodatario.

2. Le disposizione di legge sul comodato art. 1803 del codice civile.

La regolamentazione del contratto di comodato modale è contenuta nell’art. 1803 del codice civile. La norma, al primo comma,  definisce il comodato come «quel contratto mediante il quale un soggetto consegna ad un altro un bene mobile o immobile, per servirsene per il tempo e l’uso determinato nel contratto stesso, e riconsegnarlo nel termine concordato». Il comodato è un contratto essenzialmente a “titolo gratuito“. Colui che riceve il bene comodato, non dovrà corrispondere alcuna  somma al comodante, né impegnarsi ad una controprestazione a suo favore, che in questo caso darebbe luogo ad un normale contratto di locazione a titolo oneroso. Generalmente, il comodato viene utilizzato per favorire – a titolo di cortesia o affettivo – un altro soggetto mediante l’utilizzo di un proprio bene, come  ad esempio un’autovettura, una abitazione e simili.

La gratuità del contratto di comodato dunque sembra sia l’elemento distintivo di tale negozio giuridico, come recita il secondo comma del predetto art. 1803 del codice civile.

3. Il comodato modale e’ una normale locazione gratuita in cui e’ consentito obbligare il comodatario  ad un onere  che comunque non costituisce corrispettivo.

Prevedere un corrispettivo dietro la consegna del bene comodato, sarebbe causa di decadenza del contratto stesso, e il suo naturale inquadramento in un rapporto locativo oneroso. In ogni caso, ci sono delle fattispecie particolari, in cui sebbene  “la peculiarità del negozio giuridico e la sua causa” non verrebbero meno, i contraenti possono raggiungere una intesa che imponga un onere a carico del comodatario detto “modus” tramite la stipula del suddetto contratto di comodato modale.

4. Giurisprudenza sul comodato modale.

La tipica “gratuità” del comodato non viene MENO, nel momento in cui il comodatario si obblighi ad un onere o “modus” a suo carico che però «non sia tale da snaturare il rapporto contrattuale gratuito. [Cass. Civ. Senenza. n. 485/2003]». Sarà necessario che questo “modus” a carico del locatario, imposto nel contratto di comodato modale, non si configuri quale corrispettivo del godimento del bene comodato; e in maniera da assumere la caratteristica della controprestazione, che farebbe scaturire, di fatto, un contratto di locazione a titolo oneroso. Infatti, proprio con puntuale riferimento alla cessione in godimento di un bene immobile, la Corte di Cassazione, ha stabilito anche che “la configurabilità di un rapporto di giuridico di comodato non è esclusa” dalla eventualità che il cessionario sia tenuto a versare al comodante una somma periodica a titolo di rimborso spese, nel caso in cui appunto tale corrispettivo permanga nei limiti del modus od onere da comodato modale. [Sentenza n. 497/997; Sentenza n. 3021/2001; Sentenza n. 2091/1985 della Cassazione civile].

In ossequio all’orientamento giurisprudenziale, la fattispecie concreta, nell’esempio descritto, sarà riconducibile ad una  locazione, quando l’importo dovuto dal comodatario integri un corrispettivo di natura reddituale. Nel caso inverso in cui la somma da corrispondere, in forza del contratto di comodato modale, sia di piccola entità,  e fuori mercato, e quindi non si riferisca ad  una vera e propria controprestazione o un corrispettivo, la fattispecie concreta sarà qualificabile come comodato modale.

5.  Esempio di legittimo comodato modale.

Un altro esempio di comodato modale, si ha quando il proprietario di un immobile, nell’esigenza di “conservare”  lo stesso contro la vetustà,  e per  particolari interessi personali, conceda in locazione gratuita un proprio  bene, ma con un onere a carico del comodatario, che consista nel mantenere integro lo stato dell’immobile o a riportarlo allo stato di conservazione precedente il negozio giuridico, sopportandone le spese di manutenzione o ristrutturazione, dietro l’utilizzo del bene stesso.  

L’interesse principale del proprietario è solo la conservazione del bene, motivo per il quale ne concede il godimento a titolo gratuito. Tale interesse non è configurabile in corrispettivo o comunque in un valore riconoscibile quale accrescimento del proprio patrimonio sia reddituale che patrimoniale.

In tal caso sarà necessario indicare “esplicitamente” nel contratto di comodato modale l’onere a carico del comodatario e l’interesse del proprietario, spiegandone e provandone il motivo per cui  lo stesso “onere a carico del comodatario”  non si sostanzi in un incremento del valore dell’immobile riconducibile a fattispecie reddituali fiscalmente rilevanti.

Infine si ricorda che a fini fiscali tale tipo di contratto (di locazione gratuita o comodato modale) è soggetto a particolare attenzione da parte degli Uffici finanziari, in quanto il contratto di comodato potrebbe essere utilizzato “abbastanza facilmente” a scopi di elusione fiscale.

Si propone il modello da noi preparato, precompilato, di comodato modale, con  cui potrà essere concesso l’immobile in utilizzo gratuito a una impresa, stabilendo un onere a carico della medesima, che nell’esempio è la conservazione del valore del bene.

Il nostro proforma DI COMODATO MODALE contiene le formule e i richiami di legge e giurisprudenziali con sentenze della cassazione che consentono di dimostrare che l’ONERE o modus a carico del comodatario non costituisce reddito imponibile a carico del proprietario. Ciò in quanto il vantaggio conseguito è esclusivamente patrimoniale.

Il modello consente di evitare controlli fiscali e ottenere il fine per cui si sottoscrive il modello 

il prezzo proposto è molto inferiore al suo valore professionale

Con l’utilizzo del modello si potranno risparmiare molte ore di lavoro in ricerche giurisprudenziali e normative, già contenute nel modello

il nostro modello nasce da un contratto reale, è un modello unico… lo garantiamo con tranquillità con la formula soddisfatto o rimborsato… (rimborsiamo a tua richiesta qualora il modello non sia conforme a quanto qui ESPOSTO).

 
IN OFFERTA FINO AL 15 DICEMBRE 2015 INVECE DI EURO 39.90

Ai fini del pagamento se non avete un conto paypal cliccate comunque su “CREA CONTO PAYPAL” che vi darà la possibilità di pagare con una normale carta di credito o prepagata)

clicca per comodato a persone non familiari badanti colf, ecc…

Dai un’occhiata anche agli altri modelli pronti:

MODELLI & STRUMENTI PER IL PROFESSIONISTA
I modelli piu’ utilizzati

Modello di locazione con e senza cedolare secca.

Con clausola unica che evita i danni da morosità.

Invece di € 29.90 


Contratto di finanziamento da Privato a Srl. Eccezione al divieto

Invece di € 69.90 


Perizia danno emergente, lucro cessante, danno futuro

€69.99 – 

Invece di € 79.90 


Ricorso pronto c/o avviso rettifica Compravendita immobili

Invece di € 69.90 

Contratti precompilati professionali


Contratto di finanziamento da Privato a Srl. Eccezione al divieto

Invece di € 79.90

Risoluzione anticipata consensuale contratto di locazione

€6.90 – 

Invece di € 9.90


C
ontratto di locazione transitoria inferiore a 4 anni.

€16.90 – 

Invece di € 19.90


Contratto di locazione inferiore a 30 giorni in forma scritta.

€6.90 – 
Invece di € 16.90


Comodato d’uso gratuito auto e immobili anche a non familiari.

€6.99 – 

Invece di € 9.90


Contratto di locazione immobile commerciale di negozi o capannoni.

€19.99 – 

Invece di € 29.90


C
omodato modale di immobili strumentali.


€16.90 – 

Invece di € 19.90


Incarico professionale a progettista

€39.99 – 

Invece di € 39.90

Cessione quote sociali e cessione finanziamento soci.


€29.90 – 

Invece di € 46.90

Compromesso di Cessione di azienda.


€14.90 – 

Invece di € 29.90

Modelli per contenzioso

R
icorso contro accertamento sintetico per maggiori aliquote o per studi di settore.

€29.90 – 

Invece di € 39.90


M
odello istanza di accertamento con adesione e procura a parte.

€6.90 – 

Invece di € 9.90


M
emoria contro accertamento induttivo completo delle migliori sentenze.

€19.99 – 

Invece di € 39.90


R
icorso contro notifica irregolare e avviso di intimazione equitalia.

€39.90 – 

Invece di € 49.90

Ricorso contro nuova rendita catastale.

€9.60 – 

Invece di € 29.90


C
ompromesso di compravendita di immobile.


€9.90 – 

Invece di € 29.90

Modelli di perizia, guide, altro, utility


C
ontratto studio professionale con collaboratore esterno.


€6.90 – 

Invece di € 9.90


Autocertificazione lavori in economia per detrazione ristrutturazioni.

€5.90 – 

Invece di € 7.90


Modello certificazione compensi sportivi.

€4.90 – 

Invece di € 9.90


A
genti immobiliari. Tutti i modelli in word da presentare in camera di commercio.

€4.90 – 

Invece di € 19.90


M
odello fattura per agenti di commercio e procacciatori d’affari in regime forfettario 2015
.

€4.90 – 

Invece di € 29.90


Perizia di stima ramo di azienda per conferimento.

€29.90 – 
Invece di € 39.90

Guida al regime forfettario dl 190/2014 e modello di fattura in esenzione da iva e ritenuta.

Invece di € 9.90


P
arcella per avvocati automatica dal netto al lordo

Invece di € 9.90


C
ontratto di associazione in partecipazione di lavoro.

€9.60 – 

Invece di € 9.90


A
tto costitutivo e statuto pronti per costituzione di associazione sportiva dilettantistica.

Invece di € 39.90

Modello verbale di rinuncia al credito e storno a patrimonio.

Invece di € 19.90

Modello verbale assemblea deserta pronto all’uso.

Invece di € 7.90

 

Guida per le soluzioni a perdita di esercizio superiore al capitale sociale.

Invece di € 9.90 

 

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Ettore Di Fabio ha detto:

    E’ configurabile un contratto di comodato modale di beni mobili (nello specifico, attrezzature complete per studio odontoiatrico) se, a fronte della totale assenza di corrispettivo, viene inserita nel contratto una condizione risolutiva che obbliga il professionista comodatario a far realizzare gli eventuali impianti odontoiatrici dal tecnico comodante? Se si, come?

    • Studio Merola Consulting ha detto:

      Non ritengo sia utilizzabile nel caso prospettato.
      A fronte della gratuità della concessione, dovrà configurarsi un interesse “MODUS” a favore del locatore,
      che avrà un beneficio sul bene di proprietà locato gratruitamente.
      Nel caso di attrezzature per studio odontotecnico non credo sia configurabile.
      Quindi o contratto di comodato quando il locatore sia un congiunto o parente, o contratto di locazione nel caso
      di locazione tra estranei.

      salve

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>








Archivi