Assunzione di lavoratori extra-comunitari: non è più necessario il contratto di soggiorno.

Ai fini dell’assunzione di un lavoratore di nazionalità extra-comunicataria non sarà più necessario sottoscrivere il contratto di soggiorno. 

Gli impegni a carico dell’azienda dovranno essere contenuti nella comunicazione unificata di assuzione, non più nel modello “Q”.

Dal 15 novembre 2011, infatti,  il modello di comunicazione <<Unificato Lav.>> è stato integrato di una sezione dove il datore di lavoro si assume gli impegni previsti dal contratto di soggiorno, che riguardano la garanzia che il cittadino extra-comunitario abbia un alloggio adeguato, e che ci sia il pagamento dei costi per il rientro in patria dello stesso lavoratore.
La nuova procedura riguarda ogni tipologia di rapporto lavorativo, anche pubblico e compreso quello domestico. 

Fonte Normativa : Nota 4773 del  28/11/2011 Ministero del Lavoro e Poli Sociali.
Fonte Informativa: Soluzioni24Fisco Bdcnews.

Nota Rivista Fiscale Web.
Importante snellimento procedurale per le assunzioni di lavoratori extra-comunitari che sono in regola con i requisiti abitativi e che abbiamo anche, quindi, buoni requisiti personali.

L’integrazione dei cittadini extracomunitari nella nostro Paese rientra tra i titoli di una società evoluta e civile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here