Proventi da intermediazione sui finanziamenti dei venditori di auto: esclusi dal pro-rata di deducibilità.

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 41 del 5 aprile 2011, ha chiarito che i proventi ricevuti dai commercianti di auto per intermediazione su finanziamenti accesi dagli avventori dei propri autoveicoli,  pur essendo operazioni esenti ai sensi dell’art.10  del DPR n. 633/72, non rientrano nel calcolo del pro-rata di detraibilità dell’Iva a credito,  in quanto operazioni marginali rispetto all’oggetto proprio dell’attività svolta.


Esempio:

Avendo 10.000 euro di credito IVA, avendo 100.000 euro di vendite auto con iva, avendo 50.000 euro di vendita auto con il regime del margine, avendo 20.000 euro di proventi da intermediazione sui finanziamenti, il pro-rata di detraibilità sarà così calcolato:

percentuale di iva detraibile=     operazioni con iva 
                                             _____________________ x 100
                                             totale complessivo oper. 
 100.000
 _______ x 100 = 66,67  iva effettiv. detraibile = 10.000 x 66,67% = 6.667.
 150.000

Nel caso in cui invece l’attività di intermediazione creditizia costituisce per la concessionaria un settore distinto dell’azienda, riferendoci sempre all’esempio su esposto la situazione sarebbe questa:



percentuale di iva detraibile=     operazioni con iva 
                                             _____________________ x 100

                                             totale complessivo oper.  
      100.000
______________ x 100 =58,82 iva effettiv.detraibile =10.000 x58,82% =5882.
150.000+20.000


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here