L’Italia è come un malato che ha urgente bisogno di un intervento a cuore aperto, ma l’equipe di medici continua a fargli "iniezioni" per mantenerlo solo in vita.


Vi proponiano i dati diffusi dell’ Istat in data di ieri 1° Febbraio 2011:
Condizioni del Mercato del lavoro.
Miglioramento minimo del mercato del lavoro registrato a fine 2010.
  • Il tasso di disoccupazione passa dall’8,7% di novembre 2010 all’8,6% di dicembre 2010. Mentre rispetto a dicembre 2009 migliora dello 0,2%.
  • La percentuale di persone in cerca di occupazione risulta diminuita dello 0,5% rispetto al mese precedente cioè a novembre 2010  ma aumenta del 2,5% rispetto a dicembre 2009.
  • Il numero di inattivi, di età compresa tra i 15 e i 64 anni a dicembre 2010, aumenta dello 0,1% sia nei confronti di novembre 2010 sia rispetto a dicembre 2009.
Secondo l’Istituto a chiusura dell’anno (diremo infausto 2010, ndr) la condizione del mercato del lavoro è un pò più serena e meno altalenante.
Dall’inizio dell’autunno l’occupazione ha smesso di scendere e di converso nell’ultimo bimestre la disoccupazione è tendente al calo.
 Disoccupazione giovanile.
Nota dolente è il tasso di disoccupazione giovanile che si è attestato al 29%, con un aumento dello 0,1%  rispetto al mese precedente e del 2,4% rispetto a dicembre 2009.
Il Ministro Sacconi ha commentato con soddisfazione tali dati facendo riferimento ad altri paesi dell’Eurozona che hanno una situazione occupazionale peggiore. Dal nostro canto non vediamo:
  •  quale soddisfazione si può riscontrare nel momento in cui i giovani hanno grosse difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro;
  • Quale soddisfazione si può avere non avendo un programma  di stabilità per il futuro dei giovani, ma offrendo solo precariato ai più fortunati e paliativi del momento e chiedendo “Quale Futuro per i Giovani?”;
  • Quale soddisfazione si può avere ben sapendo che non ci sarà il ricambio generazionale di un tempo nell’impiego pubblico e privato; 
  • Quale soddisfazione si può avere da un singolo dato isolato, che poi alla fine è di stasi pura e non di sviluppo , non solo a livello occupazionale ma anche a livello di ripresa economica per le quali le aziende stentano e parecchio, come hanno confermato i dati del Centro Studi di Confidustria, si veda il nostro articolo qui;
E quando il Governatore Draghi predicando nel deserto afferma a più riprese:
  • che la disoccupazione è un effetto e non la causa del problema.
  • che il futuro dei giovani deve essere programmato appunto nel lungo periodo;
  • che il nostro Paese non incentiva la ripresa, non incentiva le imprese;
  • che non cura quindi la causa della disoccupazione e delle altre malattie del nostro Paese;

     Vi proponiamo qui una sintesi del pensiero di Bankitalia.

Quando in una parola bisogna favorire l’aumento del prodotto interno lordo e di conseguenza tutti gli altri problemi si risolveranno da soli:
  • Occorrono incentivi automatici per le imprese, fruibili immediatamente per favorire gli investimenti produttivi;
  • Occorre che le banche finanzino le imprese mentre attualmente i loro rubinetti sono chiusi;
  • Occorre che le Imprese siano in condizione di utilizzare la leva finanziaria come nei periodi ante-crisi;
  • Occorrono sgravi per la nascita di nuove micro-aziende, come esistevano un tempo, quando chi era all’inizio dell’attività pagava per tre anni i contributi previdenziali dimezzati , che potrebbero permettere, soprattutto ai giovani, almeno di aprirsi un’attività in proprio e far emergere imprese sommerse;
  • Occorre colmare il divario tra Nord e Sud altrimenti staranno male entrambi;
  • Occorre togliere i paletti alla libera circolazione del danaro;
  • Occorre combattere l’evasione ed il riciclaggio non introducendo nuove norme ed adempimenti per tutti, ma puntando e mirando solo agli evasori e non a tutto il popolo delle imprese.
  • Occorre un Governo che dia garanzie di stabilità per favorire gli investimenti privati. Etc. etc.
Insomma  paragoniamo l’Italia ad un malato grave che ha bisogno urgente di un intervento a cuore aperto, e l’equipe di medici anzichè avere il coraggio di prendere il bisturi e tagliare per salvare il malato, continua a fargli “iniezioni”, peraltro dolorose, per tenerlo in vita, anzi in fin di vita, credendo che per questo possano ricevere un Nobel per la medicina. 
Ndr 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here