Home NEWS La disciplina del riporto delle perdite per le imprese in regime di...

La disciplina del riporto delle perdite per le imprese in regime di esenzione dal reddito.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce la corret­ta applicazione degli articoli 83 e 84  del TUIR in riferimento ai limiti di utilizzo e riporto delle perdite nei casi di imprese in regime di esenzione dal reddito totale o parziale. Risoluzione n. 129/E del 2010.
 Soggetti in regime di esenzione dell’utile.
La risoluzione n. 129 del 2010 chiarisce i metodi di calcolo da utilizzare ai fini della limitazione prevista dall’articolo 84 TUIR. 

Sulla base della suddetta norma, coloro che usufruiscono di un regime di esenzione dell’utile possono riportare le perdite nel limite dell’ammontare dell’utile eccedente la formazione del reddito degli eser­ci­zi precedenti.
Per le attività che godono di regimi di parziale o totale  riduzione della base imponibile, le perdite sono rilevanti nella stessa misura in cui lo sarebbero i risultati positivi.
In tal caso la risoluzione 129 puntualizza che tale disposizione si applica solo nel caso in cui il regime di detassazione si basi su una per­cen­tuale prestabilita di esenzione, si tratta:
  • delle imprese che utilizzano imbarcazioni iscritte nel registro internazionale della navigazione, per i quali è prevista una riduzione dell’80% del relativo reddito; 
  • le imprese che esercitano la pesca (quale mediterranea costiera o interna) per le quali è prevista una riduzione del 56% del reddito.
In ultimo, sono escluse dalla limitazione prevista dall’ articolo 83 le cooperative della piccola pesca e quelle agricole nonchè le cooperative di produzione e lavoro già in regime agevolato  in applicazione dell’articolo 10 e articolo 11 del DPR 601 del 1973.