Rassegna ultimi provvedimenti pubblicati in data 3 gennaio 2011.

Bilancio dello Stato. Sono state pubblicate in G.U. le leggi per il bilancio 2011 e per il bilancio relativo al triennio 2011 – 2013.

Legge di stabilità 2011 – Previsione dello Stato per l’anno finanziario 2011 e per il triennio 2011-2013.

Rispettivamente legge 220/2010 e legge 221/2010.

Disposizioni urgenti.
Proroga dei termini e degli interventi tributari a sostegno di famiglie e imprese.

E’ stato pubblicato in G.U. il d.l. 29/12/2010  n. 225 c.d. Milleproroghe, che prevede la proroga di termini previsti da disposizioni legislative e interventi urgenti in materia tributaria a sostegno di imprese e famiglie.

Diritti doganali.
Misure sul diritto speciale degli oli combustibili nel territorio extradoganale di Livigno .Con il decreto sono state fissate misure di diritto speciale su benzina, petrolio, gasolio e generi, simili per il territorio extradoganale di Livigno.Decreto  22 dicembre 2010.


Trust.
Nuovi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 61/E del 27 dicembre 2010.

Non si possono considerare validamente e fiscalmente operanti, i trust la cui costituzione e gestione è stata realizzata tramite una mera interposizione di persona per quanto riguarda la proprietà di beni e la produzione di redditi. E’ uno dei chiarimenti forniti dall’Agenzia  con la circolare suddetta in materia di trust.
Nella sostanza, per mera interposizione di persona, si intende che il TRUST è stato istituito al solo scopo di far perdere la titolarità di beni e redditi ad un soggetto persona fisica (disponente) per attribuirla al Trust medesimo al fine di preservare detti beni da eventuali richieste di escussione. In tal modo l’istituto viene a perdere la sua funzione principale, e per questo non riconosciuto, che è quella di gestire e preservare beni e redditi del disponente a favore di beneficiari (ad esempio figli minori) tramite il trust medesimo.

Reddito d’impresa.
Regime fiscale di società ed enti del settore assicurativo.

L’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 60/e del 23 dicembre 2010 ha chiarito e approfondito alcune modalità applicative della disciplina introdotta con l’articolo 13 del decreto legge 78/2010 in relazione ai criteri di determinazione del reddito imponibile fiscale delle società d’assicurazione operanti nel ramo vita.

Imposta sul valore aggiunto.
Reverse charge alle cessioni di telefoni cellulari e microprocessori

Con la circolare n. 59/e del 23 dicembre 2010 l’Agenzia delle Entrate ha fornito nuovi chiarimenti in merito all’applicazione del meccanismo dell’inversione contabile con decorrenza  dall’ 1-04-011  sulle cessioni nazionali di cellulari e microprocessori per computer.

Imposta sul valore aggiunto.
Inversione contabile alle cessioni di beni e prestazioni di servizi.

Il non residente che abbia effettuato cessioni di beni nei confronti di soggettti passivi stabiliti nel territorio dello Stato senza applicare il meccanismo del reverse charge, per quanto riguarda  l’Iva, ma solo il metodo ordinario, potrà sanare tale violazione mediante versamento, in misura ridotta , avvalendosi del ravvedimento per la sola sanzione del 3 per cento dell’imposta assolta irregolarmente, senza ulteriori adempimenti a rettifica del comportamento tenuto. Risoluzione n. 140/e del 29 dicembre 2010.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here