TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI MERCE – CAPITALIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI MERCE.

Sono definiti IMMOBILI MERCE quelli al cui scambio o produzione è diretta l’attività di impresa.
 In pratica edifici costruiti o ristrutturati ai fini della vendita da parte delle imprese di costruzioni. 

Sono Immobili merce anche quei terreni e fabbricati acquistati solo per la rivendita da parte di società immobiliari.

Nel Bilancio d’Esercizio tali immobili-merce sono allocati tra le Rimanenze (voce C.1 S.P.) ossia nell’attivo circolante della società a cui appartengono, al pari di qualsiasi altra azienda commerciale che acquista e rivende “prodotti” che costituiscono l’oggetto della propria attività. 
Come detto tali beni immobili a fine esercizio vanno allocati tra le RIMANENZE e precisamente:
  • alla voce C.1.1 se trattasi di immobili acquisiti per eseguirvi interventi di costruzione o recupero edilizio.
  • alla voce C.1.2 se trattasi di immobili che alla data del 31 dicembre sono ancora in corso di costruzione e quindi non finiti.
  • alla voce C.1.4 se trattasi di immobili per i quali alla data del 31 dicembre sono terminati i lavori o trattasi di immobili acquistati soltanto per la successiva rivenduta.
 A differenza di ogni altra bene acquistato e rivenduto, tali particolari “MERCI”, ai fini della loro iscrizione tra le rimanenze, sono soggetti ad una particolare disciplina, prevista  dall’art. 2426 co.9  del codice civile che recita:
La valutazione degli immobili merce, ai fini della loro iscrizione in Bilancio, deve essere assunta:
  • al costo storico, dato dal reale prezzo di acquisto del bene immobile o dalle spese sostenute per la sua costruzione;
  • qualora inferiore al costo storico, al valore di presunto di realizzo, in base all’andamento del mercato di riferimento rilevato al momento dell’iscrizione. (Tale valore ovviamente non è statico ma può mutare di anno in anno, in base al suddetto andamento dei prezzi e come anche previsto dalla norma).
RIMANENZE A SEGUITO DI ACQUISTO DI BENI IMMOBILI MERCE.
Nei casi di solo acquisto di immobili merce, Il valore da iscrivere a RIMANENZA è dato dalla sommatoria:

del corrispettivo pagato per l’acquisto più i vari costi correlati all’acquisto quali ad esempio: le parcelle notarili, le imposte ipo-catastali e di registro e l’IVA (qualora indetraibile).

    RIMANENZE DI IMMOBILI MERCE IN CORSO DI ULTIMAZIONE VALUTATI AL COSTO DI COSTRUZIONE.
    In questo caso il valore degli immobili da iscrivere a RIMANENZE è dato dalla sommatoria risultante: 
    1. Dal Costo di acquisto degli immobili maggiorato delle spese accessorie;
    2. Dalle materie prime utilizzate per l’avanzamento della costruzione;
    3. Dai costi di progettazione;
    4. Dai costi derivanti da appalti affidati a terzi;
    5. Dai costi della manopera impiegata direttamente dalla società immobiliare ai fini della costruzione;
    6. Dagli oneri urbanistici;
    7. Dai costi generali dell’impresa, non derivanti da eventi eccezionali, imputati per una ragionevole quota indirettamente alla costruzione;
    8. Dagli interessi passivi a  seguito di finanziamento assunto esclusivamente ai fini della edificazione.
    Le società immobiliari non sempre effettuano direttamente le opere di edificazione; difatti spesso accade che dopo aver acquistato l’area oggetto dell’intervento, incarichino un’altra impresa appaltatrice, ai fini della esecuzione delle opere, per poi vendere i fabbricati una volta che siano stati ultimati.
    PASSAGGIO DA IMMOBILI MERCE A IMMOBILI CAPITALE.
    E’ il caso di un’azienda edile che “inizia la costruzione di un immobile ai fini della successiva rivendita” per poi, durante il corso dei lavori, decidere di destinarlo a scopi sostanzialmente diversi, quali ad esempio concenderlo in locazione a terzi o utilizzarlo per sede della propria attività o ancora per l’esercizio – al suo interno – di un’attività diversa.
    In questo caso, dopo aver rilevato all’inizio dell’anno (in cui si intende capitalizzare l’immobile) le rimanenze iniziali dello stesso, occorrerà eseguire la seguente scrittura:
    (IMMOBILIZZAZIONI)                     A          (INCREMENTO DI IMMOBILI PER LAVORI INTERNI)
    dove la voce “immobilizzazioni” è un conto patrimoniale che viene allocato nell’attivo dello Stato Patrimoniale mentre la voce “INCREMENTO DI IMMOBILIZZAZIONI PER LAVORI INTERNI” viene registrata nei ricavi (alla voce A.4) del conto economico.
    Download PDF

    Leave a comment

    XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>